archivearchive.html
newsnew_news.html
current
upcomingupcoming.html
artistsnew_artists.html
aboutabout.html
contactsnew_contact.html
special projectsnew_special_projects.html

via De Giosa 48

70121 Bari

info@artcore.it

fairsfairs.html

Non c’è abbastanza passato da andare a visitare

curated by Valeria Raho


opening 21october 2016 h:19

21.10 / 21.12

Non c’è abbastanza passato da andare a visitare

Opere dal deposito della galleria ARTCORE Opening 21 ottobre 2016; h 19
Fino al 21 dicembre 2016

Galleria Artcore Via De Giosa 48 Bari

Orari di apertura: dal martedì al sabato 10/12.30 - 17/20.30
Per appuntamento: Mara Nitti 347 6574411 - Roberta Fiorito 3407225237

www.artcore.it

https://www.facebook.com/ARTcore.Gallery/ https://twitter.com/artcore_gallery/

#nopastovisit #artcore

Non c’è abbastanza passato da andare a visitare è una sequenza onirica applicata all’archivio di ARTcore.
È uno sgombero curatoriale che coinvolge opere in deposito, ephimera, buchi neri, polvere, ornamenti e idealismi tirati in ballo da artisti visivi, parenti stretti, collezionisti e amici ora chiamati a dividere il peso del trasloco imminente della galleria. Per partito preso opera smontando. È l’amplificazione di una cimice appli- cata negli interstizi di un mobile che fotografa il white cube come luogo cerniera tra lo studio d’artista e il pubblico visualizzandone flussi di lavoro, opere, apparati, picchi d’intensità, oggetti d’uso quotidiano, relazio- ni e azzardi connessi con le forme del fare arte. Nelle tre sezioni che abbraccia Non c’è abbastanza passato da andare a visitare mette in discussione le cronologie: è fantascienza pura perché non segue ordini tempo- rali. A questo criterio predilige di gran lunga principi di compresenza e sovrapposizioni in grado di sovvertire i primati ottici delle opere con quelli di memorizzazione e oralità. Il paesaggio che si presenta non è più quello sublime a cui la galleria nel suo lustro di attività ci ha abituati ma uno spazio sfatto. Si cammina tra affolla- menti e vuoti, comunicazioni interne e non sense misti all’incoscienza di cui occorre armarsi quando si fa i conti con gli aspetti enigmatici della contemporaneità ed una comunità artistica fragile e complessa. Non c’è abbastanza passato da andare a visitare è una mostra fuga. Colpo di grazia e scompiglio per lo show clo- sing di ARTcore.

Non c’è abbastanza passato da andare a visitare è un ambiente creato da Roberta Fiorito, Mara Nitti, Valeria Raho, Alessandro Neretti per l’armadio.
Non c’è abbastanza passato da andare a visitare non sarebbe stata possibile senza i pensieri, le opere e ammissioni di

Nikos Arvanitis, Luca De Angelis, Pasquale De Sensi, Gemis Luciani, Giampiero Milella, Gianni Moretti, Gio- vanni Termini, Jack Sal, Silvia Mariotti, Silvia Camporesi, Luca Macauda, Daniele Bacci, Alberto Zanchetta e Matteo Fato, Giuseppe Abate, Gema Ruperez Alonso, Papi Teodori e Los mamasitos de la Cumbia, Ivana Spinelli; per I LOW ART Giovanni Albore, Mara Cerri, Alessandro Cirillo, Massimiliano Fabbri, Costantino Forte, Alessandro Fusco, Lorenzo Di Lucido

press download_ita.pdfcurrent_exhibitions_files/cs_Non%20c%27e%CC%80%20abbastanza%20passato%20da%20andare%20a%20visitare.zip